Parametri del suolo e fattori abiotici

Scheda informativa: Il suolo è definito come lo strato più superficiale della crosta terrestre, esso è costituito da particelle minerali e organiche, nonché da acqua e aria. Il suolo si forma attraverso la pedogenesi una serie di lunghi processi in cui sono principali attori gli agenti atmosferici fisici e chimici, la decomposizione e la bio-turbazione. La formazione del suolo comporta una costruzione complessa e dinamica ed è guidata dal clima, dalla topografia, dalla roccia madre, dalla tipologia di vegetazione, dalle attività umane e soprattutto dal tempo. Il suolo ospita una grande quantità di organismi ed è indispensabile per l’uomo, in quanto garantisce il nostro cibo quotidiano e il nostro benessere.

Metodi: In ogni sito determiniamo il tipo di suolo prelevando campioni con la trivella di Pürckhauer mentre il colore del suolo viene determinato nelle carte dei colori (tavole di Munsell). Per valutare le caratteristiche fisiche e chimiche, il suolo viene prelevato da almeno quattro sottoparcelle, che vengono poi riunite per ottenere un campione omogeneizzato di quantità sufficiente (almeno 400 g di peso secco) per ogni sito di monitoraggio.  Il materiale viene poi essiccato all’aria in laboratorio e ulteriormente lavorato. Viene poi analizzata la consistenza del suolo, il pH, il contenuto di materia organica e la quantità e presenza di macroelementi.

L'ecologo Michael Steinwandter raccoglie dei campioni di suolo per l'analisi nel laboratorio.

Misurazione di parametri del suolo

Analisi della quantità di scheletro del suolo (sabbia, limo e argilla)

Raccolta e sistemazione dei campioni di suolo

Menu