NEWS

Biodiversità e gestione forestale – studio nell’ambito della COST Action “Bottoms-UP”

Descrizione del progetto e obiettivi

Circa la metà della superficie dell’Alto Adige è coperta da bosco, il quale fornisce importanti servizi ecosistemici. Oltre alla funzione protettiva contro slavine, caduta massi ed erosione, le foreste fissano e immagazzinano carbonio, forniscono materie prime, hanno un’importante funzione turistico ricreativa e culturale. Infine, esse hanno un ruolo chiave nella conservazione della biodiversità, offrendo habitat per molte specie animali e vegetali, che a loro volta contribuiscono al mantenimento delle funzioni e dei processi di questi complessi ecosistemi. Il repentino cambiamento climatico combinato con un’inadeguata gestione passata del territorio mettono a rischio questa complessità con effetti negativi sulla biodiversità. Per questi motivi, il monitoraggio degli ecosistemi forestali è cruciale per comprendere come i cambiamenti globali influenzano questi sistemi e per capire il potenziale ruolo della gestione nel preservare biodiversità e servizi alla collettività.

Nel progetto analizziamo diverse tipologie di habitat forestali. In tutti i siti forestali studiati dal progetto a lungo termine Monitoraggio della Biodiversità Alto Adige, raccogliamo informazioni in modo standardizzato: attributi qualitativi relativi alla copertura, categoria forestale e agli aspetti gestionali, e caratteri quantitativi come la struttura e composizione delle specie arboree presenti, nonché legno morto, dendromicrohabitat – caratteristiche morfologiche degli alberi che costituiscono ambienti di rifugio per un gran numero di specie – e la biodiversità che vi abita. Il progetto mira a quantificare la capacità dei popolamenti forestali di accogliere la diversità specifica e di come favorirla attraverso la gestione attiva e sostenibile, aumentandone di conseguenza la resilienza ai cambiamenti globali.

Metodi

Per ciascun sito vengono rilevati i parametri forestali seguendo le direttive dell’Inventario Forestale Nazionale. In tutti i siti applichiamo inoltre i programmi standard del Monitoraggio della Biodiversità Alto Adige. I principali risultati ottenuti nell’ambito di questo progetto consistono in un protocollo standardizzato per il monitoraggio dei popolamenti forestali e un quadro aggiornato di popolamenti rappresentativi degli ecosistemi forestali dell’Alto Adige in termini di composizione delle specie, caratteristiche strutturali, stato di salute e grado di gestione. I dati dei rilievi forestali associati a quelli del Monitoraggio della Biodiversità verranno integrati in una piattaforma standardizzata di dati multi-taxon per le foreste europee nell’ambito della COST Action “Bottoms-UP”. Questo progetto di cooperazione Europea prevede (1) la creazione di una banca dati continentale sulla biodiversità forestale, (2) l’elaborazione di indicatori di gestione sostenibile e (3) la redazione di linee guida di gestione da applicare soprattutto nella certificazione forestale e nelle aree protette. I risultati saranno raggiunti a scala Europea e il nostro progetto speciale contribuisce a inserire le foreste alpine tra gli ecosistemi forestali europei.

Partner

Il progetto viene effettuato in collaborazione con la COST Action “Bottoms-UP” ed il progetto REINFORCE di Eurac Research. Si ringrazia inoltre l’Ufficio Pianificazione forestale della Provincia Autonoma Alto Adige.

Contatto

Per ulteriori informazioni contattare Chiara Paniccia chiara.paniccia@eurac.edu e Marco Mina marco.mina@eurac.edu

MEDIA CONTACT
Menu