NEWS
Lopinga_achine_©-sultanov-rina

Lopinga achine in Alto Adige – Fantasma o realtà?

Descrizione del progetto e obiettivi: La Baccante (Lopinga achine) è una specie di farfalla protetta e considerata quasi minacciata di estinzione in quanto negli ultimi 10 anni la sua popolazione è diminuita di circa il 20-25%. La specie viene considerata un indicatore di qualità per gli habitat forestali naturali e seminaturali, in particolare per le foreste di faggio. Nella provincia di Bolzano la specie viene attribuita alla categoria di minaccia come “minacciata”. La sua presenza accertata risale a circa vent’ anni fa ed è limitata al gruppo montuoso della Costiera della Mendola.

Lo scopo di questo progetto mira a molteplici obiettivi: i) accertare la presenza e la distribuzione attuale della Lopinga achine nel territorio altoatesino ii) aumentare le conoscenze sull’ecologia della specie iii) sviluppare un adeguato sistema di monitoraggio al fine di stimare il suo stato di conservazione e proporre misure concrete per la sua conservazione.

Inoltre, durante i nostri studi campioneremmo tutte le specie di farfalle presenti nelle foreste del Costiera della Mendola e questi dati miglioreranno la conoscenza della biodiversità delle farfalle presenti in questo massiccio.

Metodi: Eseguiamo i rilievi nei mesi di giugno e luglio secondo metodi classici per il rilevamento di lepidotterofauna, cioè rilievi visuali diurni degli individui adulti con l’aiuto di un retino entomologico. Individuiamo gli individui raccolti sul campo e li rilasciamo nello stesso sito dopo l’identificazione. Svolgiamo i rilievi negli habitat e nelle località ritenuti idonee per la specie. In questi siti eseguiamo dei rilievi lungo un transetto come da programma standard del Monitoraggio della Biodiversità. Svolgiamo i rilievi lungo i transetti in due occasioni ad inizio e fine luglio. Inoltre, cerchiamo anche specificamente individui della specie lungo strade forestali e radure.

Risultati

Nei campionamenti del 2020, la Baccante non è stata trovata nonostante una ricerca mirata. Tuttavia, trattandosi fondamentalmente di una farfalla rara, non si può escludere che non sia stata registrata nei sondaggi, anche se presente nella zona. Pertanto, nel 2021 saranno ripetute ricerche specifiche per verificarne la presenza.

Anche se la Baccante non è ancora stata trovata, dal progetto sono emerse altre importanti informazioni che hanno consentito di ampliare le conoscenze della biodiversità nel territorio dell’Alto Adige: i campionamenti hanno dimostrato che i boschi della Mendola ospitano una grande varietà di specie di farfalle. Il team di ricerca è stato in grado di rilevare un totale di 36 specie, tra cui la Camilla (Limenitis camilla). Alcune delle specie di farfalle sono state identificate per la prima volta in questa zona. Il progetto ha anche contribuito al completamento della banca dati regionale delle farfalle.

“La combinazione di foreste aperte, radure soleggiate, così come la presenza di alcuni specchi d’acqua e gli stagni antincendio, fornisce un habitat adatto a molte specie “, afferma l’esperto di farfalle René Federspieler, che ha studiato le foreste per conto di Eurac Research.

In base ai dati ottenuti nel presente progetto, è stato deciso che nel 2021 ne verrà realizzato uno ulteriore. In un progetto di Citizen Science, ovvero un progetto in cui la popolazione partecipa in progetti scientifici, le farfalle saranno raccolte e identificate insieme ad alcune classi delle scuole primarie. In questo modo, i bambini in età scolastica avranno modo di conoscere il lavoro svolto dagli scienziati, così come il mondo che li circonda.

Partner:

Contatto: Per ulteriori informazioni contattare Elia Guariento, Elia.Guariento@eurac.edu

MEDIA CONTACT
Menu